Quelli dell'Honda DEAuville
Iscrivi al forum,qualsiasi moto tu abbia,fai parte attiva anche tu'non restare in panchina,è semplice,veloce e gratuito.
Buona permanenza.

Mototuristipercaso
Cerca
 
 

Risultati secondo:
 


Rechercher Ricerca avanzata

Ultimi argomenti
» MBk nitro 50
Mar 29 Mar - 18:51:11 Da Tuchi

» Auguri
Mar 29 Mar - 18:39:22 Da Tuchi

» NUOVO ISCRITTO
Sab 12 Mar - 17:21:50 Da Tuchi

» mi presento
Sab 12 Mar - 17:19:21 Da Tuchi

» Nuovo iscritto
Sab 12 Mar - 17:14:19 Da Tuchi

» a volte ritornano
Sab 12 Mar - 17:08:46 Da Tuchi

» Sonda lambda?
Ven 22 Mag - 14:27:03 Da twin

» Ho un problema
Sab 25 Apr - 8:21:23 Da renato manenti

» MANUALE OFFICINA DEAUVILLE 09
Sab 21 Mar - 22:02:16 Da Rossano Pratelli

» ciao!
Ven 6 Mar - 12:41:39 Da Freeman

» anche io tra voi.....
Gio 29 Gen - 10:31:06 Da Giuseppe Marzano

Galleria



le candele queste sconosciute

Vedere l'argomento precedente Vedere l'argomento seguente Andare in basso

le candele queste sconosciute

Messaggio Da Capitan Kurzillo il Gio 8 Apr - 7:43:33

Funzioni della candela, analisi delle sue condizioni, definizione del
grado termico, scelta della tipologia ottimale e criteri per la
sostituzione d'emergenza









La funzione che la candela di
accensione
ricopre, nei motori ad accensione comandata, è descritta
dal suo nome stesso ma non si limita a questo.

Essa è comunque un componente che va a sigillare la camera di
combustione ed è quindi esposta alle mutevoli condizioni che le si
avvicendano attorno.
Oltre a pressione, temperatura ed umidità, le candele sono esposte anche
a fenomeni di aggressione chimica e di elettroerosione.
A resistere a questi ultimi due agenti sono demandati i particolari
materiali utilizzati per la loro costruzione.
Se per i corpi isolanti vengono usate esclusivamente ceramiche
sinterizzate, per gli elettrodi si utilizzano materiali diversi tra cui
il rame (interno), il nickel e perfino riporti superficiali in materiali
pregiati come l'argento ed il platino.
Ciò per ottimizzare le caratteristiche conduttive e resistive delle
candele, oltre che la loro resistenza a fenomeni corrosivi.


La sua resistenza alla pressione non è critica, è
anzi abbondantemente superiore al necessario grazie ai sistemi di
fissaggio e tenuta scelti dai progettisti.
Bisogna però rispettare due semplici ma importanti regole: pulizia delle
filettature e corretto serraggio.


  • È fondamentale che le filettature di candela e testa siano sempre
    perfettamente pulite, ciò a scongiurare sia danneggiamenti al filetto
    (considerabile elemento di tenuta) che perdite di pressione. È buona
    norma anche una leggera oliatura del filetto prima del montaggio.
  • Con un filetto perfettamente pulito e ben oliato, il corretto
    serraggio di una candela nuova, del tipo con guarnizione, si può
    facilmente individuare avvitando a mano la stessa fino a battuta e poi
    utilizzare l’apposita chiave per ruotare ulteriormente la candela di ¼
    di giro. Stringere di più non assicura affatto una miglior tenuta ma
    mette a rischio l’integrità del filetto*.

*) Una candela usata presenta una guarnizione plasticamente
deformata: in questo caso il corretto serraggio, espresso in Kgm,
s’individua in base ai valori forniti dal costruttore del motore.
Esistono delle candele prive di guarnizione, praticamente inutilizzate
sui motori motociclistici, che affidano la loro tenuta ad una sede
conica. Con questa configurazione il corretto serraggio si raggiunge
ruotando la candela solamente di 1/16 di giro rispetto all’arresto di
battuta.



Anche la resistenza alle temperature presenti in
camera di combustione non sarebbe critica per una candela non fosse che,
quanto a temperatura, in camera di combustione esiste un velocissimo
avvicendamento di valori bassi ed altissimi che possono anche stressare i
resistenti materiali con i quali viene costruita.

Ad ogni modo la candela deve assolvere anche alla funzione di ulteriore
smaltimento del calore. Questa funzione la assolve cedendo il calore,
accumulato dall’isolante a contatto con le alte temperature di
combustione, attraverso l’unica zona di contatto con la testa: la
filettatura.


Per una candela, umidità può significare
malfunzionamento. Considerando che durante tutta la fase di aspirazione
nei motori a carburatori, e solo un po’ prima dell’accensione nei motori
ad iniezione la stessa viene a contatto con una miscela fresca e umida e
che dopo la fase di espansione si può trovare facilmente a contatto con
vapori incombusti (soprattutto nei motori a 2 tempi) bisogna che la
candela conservi una temperatura minima (detta di autopulitura)
sufficiente di per sé a bruciare, senza fiamma, qualsiasi idrocarburo
venga a contatto con la sua superficie.



LA GRADAZIONE TERMICA

Per questi ultimi due motivi, un’importante proprietà di una candela è
quella designata dalla gradazione termica. Un valore
convenzionale espresso di norma, ma non sempre, con un numero di uno o
due cifre, che individua la capacità della candela di cedere calore alla
testata.

La prima scala che determinò questa caratteristica fu quella messa a
punto dalla Bosch, individuata da un numero di tre cifre. A
questa scala hanno fatto riferimento tutti i costruttori di candele fino
a che non ne hanno sviluppato una propria.
La scala Bosch partiva, per candele di normale utilizzo stradale,
dalla gradazione di 175 per arrivare a 375 per le candele destinate ai
motori più potenti, tenendo conto che per questi ultimi la capacità di
smaltimento della candela doveva essere maggiore.
Per questo motivo s’incominciò a definire popolarmente “fredde” le
candele di gradazione Bosch più alta e “calde” quelle a gradazione più
bassa.
La reale temperatura di lavoro di una candela dev’essere compresa tra i
450 ed gli 875°C.
Ovviamente le candele cosiddette “fredde” lavoreranno in prossimità del
limite inferiore, tra i due indicati, mentre una candela calda lo farà
in prossimità del limite superiore.

Una determinazione approssimata, per confronto, della maggior capacità
di smaltimento di una candela rispetto ad un’altra è empiricamente
rilevabile osservando la profondità dello spazio vuoto tra isolante e
corpo metallico della candela: quanto più è elevato, più la candela
tende a trattenere il calore fornito (candela “calda”) e viceversa.

Le candele con filettatura “corta” hanno un maggior limite nello
smaltimento del calore. Per questo motivo, nei motori più sportivi si è
costretti a ricorrere a candele con filettature “lunghe”.
Ovvero: le candele con filettatura “lunga” (18-19mm) possono raggiungere
una gradazione termica molto più elevata (fredda) delle candele con
filettatura “cortissima” o “corta” (6,3-12,7mm)

Alcuni costruttori utilizzano una scala inversa (es.: Champion,
ad una cifra per le candele con filetto lungo e a due per quelle a
filetto corto) contrassegnando, al contrario di altri, le candele più
“fredde” con una numerazione via via più bassa.

Anche le altre sigle alfanumeriche presenti sulle candele, sono di
difficile interpretazione in quanto esclusive di ogni singolo
costruttore.
Ad ogni modo ogni costruttore pubblica su cataloghi il significato delle
sigle utilizzate e fornisce delle tabelle di comparazione che però non
sempre corrispondono da costruttore a costruttore. Il motivo di questo, è
la presunta “elasticità termica” che ogni costruttore vanta per le
proprie candele e… stenta a riconoscere per le candele degli altri!

L’unica abitudine abbastanza condivisa tra i costruttori di candele è
quella di individuare con una “R” le candele fornite di una resistenza
interna, ma non è sempre così e bisogna prestare attenzione anche perché
i sistemi utilizzati sono variabili tra resistore a bobina, soppressore
induttivo, ecc. e quindi diversamente identificati.

Le candele resistive si sono inizialmente diffuse all’unico scopo
di sopprimere, sul nascere, segnali di disturbo che potessero
interferire con gli impianti radio di bordo ove presenti.
Poi sono diventate obbligatorie di primo impianto in alcuni Paesi con
grossi problemi di densità di traffico e popolazione.
Infine sono diventate quasi indispensabili con il sempre crescente
utilizzo di sensibili componenti elettronici di bordo.



LA SCELTA DELLA CANDELA ADATTA

Alcune osservazioni generiche alle quali prestare attenzione nella
scelta delle candele adatte al proprio motore.

Per quanto ognuno dovrebbe desumere il tipo adatto in base alla propria
conoscenza oppure in base alle indicazioni del costruttore, può capitare
di dover fare un’applicazione d’emergenza nell’impossibilità di
individuare il corretto tipo di candela.

Filettatura) Anche se si riesce ad avvitare una candela nella sua
sede non è detto sia quella adatta: a parità di diametro e passo, la
filettatura ricavata sulla testa può essere più o meno lunga, quindi
accertarsi dell’effettiva lunghezza dal filetto.
Sbagliare in difetto comporta solo una calo delle prestazioni e
l’insozzamento della filettatura scoperta ma generalmente non provoca
problemi al motore.
Sbagliare in eccesso può comportare addirittura l’interferenza tra il
pistone (o una valvola) e la candela, con conseguente immediato
danneggiamento; oppure l’avviamento del motore ma col rischio di
successiva foratura del pistone per l’eccessiva vicinanza col calore che
si crea attorno alla candela.

Conformazione della battuta) A parità di diametro e passo del
filetto anche la battuta può essere diversa: le candela più utilizzate
hanno la battuta provvista di guarnizione ma esistono anche dello stesso
tipo con battuta anticipata (sono in pratica delle candele "lunghe" ma
dal filetto corto (> varie applicazioni Honda) e anche prive
di guarnizione, con battuta conica.

Sporgenza degli elettrodi) Osservando candele di diverso tipo ci
si può
rendere conto di come l’elettrodo positivo, ed il suo materiale isolante
possono
essere più o meno sporgenti rispetto al bordo della filettatura.
Di conseguenza, anche l'elettrodo negativo sarà più alto e sporgente in
camera
di combustione. in alcuni casi quest'ultimo può essere multiplo e
particolarmente sporgente (motori auto) oppure mancare del tutto come
nelle
candele a scarica superficiale (motori fuoribordo e da competizione).
In quest'ultimo caso la funzione di elettrodo negativo è assolta dalla
stessa
corona circolare del corpo della candela.
In caso di sostituzione d'emergenza, vale lo stesso discorso fatto per
la scelta
della filettatura: per prudenza è meglio sbagliare per difetto, con la
differenza che le candele a scarica superficiale assicurano l’avviamento
del
motore solo con accensioni particolarmente potenti.

Gradazione termica) In base alle osservazioni già fatte si
capisce come allontanandosi dalla gradazione prevista dalla Casa si
smaltisca più o meno velocemente il calore accumulato dalla candela.
Montando una candela troppo “calda” si rischia di sviluppare, in camera
di combustione, delle temperature così alte da danneggiare il motore a
partire dal pistone, che può finanche fondersi nel punto più vicino alla
candela; per arrivare ad un vero e proprio grippaggio tra pistone e
cilindro.
Montando una candela troppo “fredda” non si rischiano danneggiamenti al
motore ma può risultare difficile avviarlo. Inoltre la candela potrebbe
“andare a massa” ben presto, non riuscendo a rimanere abbastanza calda
da bruciare i depositi carboniosi.

---

ANALISI DELLA CANDELA

Nel normale funzionamento del motore, in condizioni di temperature e
carburazione ideali, la candela deve presentare dei depositi carboniosi
asciutti di colore grigio-bruno sulla punta dell’isolante ed una usura
regolare degli elettrodi. In queste condizioni si può tranquillamente
procedere alla sostituzione della stessa alle scadenze prefissate dal
costruttore del motore.

Diversi aspetti della candela:



  • Residui carboniosi
    Cause: additivi dell’olio o del carburante; lubrificazione eccessiva;
    guidavalvole usurati; velocità costante (tipica dei motori stazionari
    come generatori, motopompe, ecc.)

  • Depositi fuligginosi
    Cause: carburazione troppo ricca; malfunzionamento dello starter; filtro
    aria sporco.
    Oltre un certo accumulo depositi carboniosi e residui fuligginosi
    possono provocare mancate accensioni fino all’inefficienza totale della
    candela (fenomeno della cosiddetta “candela a massa”).

  • Depositi oleosi
    Cause: mancata tenuta da parte dei guidavalvola, raschiaolio e segmenti;
    motore in rodaggio o ricondizionato (residui d’olio di montaggio).
    Anche in questo caso possono mancare accensioni fino alla totale
    inefficienza della candela ma il problema si può risolvere adottando
    temporaneamente una candela di un grado più calda. Successivamente vanno
    eliminati tutti i
    trafilamenti d’olio in camera.

  • Inizio di fusione degli elettrodi
    Cause: surriscaldamento dovuto ad anticipo eccessivo, errata curva
    d’anticipo, carburante con insufficiente numero di ottano, miscela
    povera.

  • Tracce di avvenuta preaccensione (fusione da punti caldi)
    Cause: prolungato surriscaldamento (vedi sopra)
    In questi ultimi due casi è possibile rilevare addirittura delle
    piccolissime goccioline di alluminio fuso depositate su isolante ed
    elettrodi della candela: provengono dal cielo del pistone e dal resto
    della camera di combustione!

  • Rottura dell’isolante (o iniziale incrinatura)
    Cause: detonazione dovuta ad anticipo eccessivo, errata curva
    d’accensione, carburante con insufficiente numero di ottani, miscela
    povera, infiltrazioni d’aria nel collettore di aspirazione, impianto di
    raffreddamento inefficiente.


---

RIASSUMENDO: sebbene in particolari casi e solo per persone
esperte, sia possibile ottimizzare il lavoro dell’impianto di accensione
cambiando tipo di candela, bisogna stare molto attenti e riferirsi
sempre alle indicazioni del costruttore del motore, almeno per quanto
riguarda il tipo.
Ma a volte può essere utile (una volta era addirittura prescritto nei
libretti di uso e manutenzione) utilizzare una gradazione in più o in
meno rispetto a quella d’origine, fermo restando il tipo di candela, in
modo da ottimizzare il funzionamento del motore per particolari esigenze
come la guida in città piuttosto che in pista,
trafilamenti d’olio in camera, carburazione (temporaneamente) sbagliata,
ecc…




tratto da: guida alla moto motoclub ting'avert

Capitan Kurzillo
ASSISTENTE AMMINISTRATORE
ASSISTENTE AMMINISTRATORE

Messaggi : 2843
Data d'iscrizione : 18.10.09
Età : 60
Località : casale monferrato

Caratteristiche delle moto dei Membri
Moto:

Tornare in alto Andare in basso

Vedere l'argomento precedente Vedere l'argomento seguente Tornare in alto

- Argomenti simili

 
Permesso di questo forum:
Non puoi rispondere agli argomenti in questo forum