Quelli dell'Honda DEAuville
Iscrivi al forum,qualsiasi moto tu abbia,fai parte attiva anche tu'non restare in panchina,è semplice,veloce e gratuito.
Buona permanenza.

Mototuristipercaso
Cerca
 
 

Risultati secondo:
 


Rechercher Ricerca avanzata

Ultimi argomenti
» MBk nitro 50
Mar 29 Mar - 18:51:11 Da Tuchi

» Auguri
Mar 29 Mar - 18:39:22 Da Tuchi

» NUOVO ISCRITTO
Sab 12 Mar - 17:21:50 Da Tuchi

» mi presento
Sab 12 Mar - 17:19:21 Da Tuchi

» Nuovo iscritto
Sab 12 Mar - 17:14:19 Da Tuchi

» a volte ritornano
Sab 12 Mar - 17:08:46 Da Tuchi

» Sonda lambda?
Ven 22 Mag - 14:27:03 Da twin

» Ho un problema
Sab 25 Apr - 8:21:23 Da renato manenti

» MANUALE OFFICINA DEAUVILLE 09
Sab 21 Mar - 22:02:16 Da Rossano Pratelli

» ciao!
Ven 6 Mar - 12:41:39 Da Freeman

» anche io tra voi.....
Gio 29 Gen - 10:31:06 Da Giuseppe Marzano

Galleria



il cambio di una moto

Vedere l'argomento precedente Vedere l'argomento seguente Andare in basso

il cambio di una moto

Messaggio Da Capitan Kurzillo il Lun 22 Mar - 10:25:35

Com'è fatto e come funziona il cambio

Premettiamo che il cambio delle moto è molto diverso da quello delle
auto. Le
moto hanno un cambio sequenziale, cioè aumentiamo o diminuiamo la marcia
una per
volta, mentre con l'auto possiamo anche ad esempio passare dalla quinta
alla
terza senza innestare la quarta.

La seguente figura mostra i due alberi del cambio (A e B), i vari
ingranaggi (C)
e le forcelle per l'innesto (D):



Il cambio motociclistico è costituito da:

  • albero primario (particolare A in figura) sul quale è
    montata la frizione, che viene fatto
    girare dall'albero motore;
  • albero secondario (particolare B in figura) sul quale è
    montato il pignone, che viene fatto
    girare dall'albero primario.

Su ogni albero sono montati i vari ingranaggi (particolare C in
figura) ma questi non sono solidali
all'albero, bensì si muovono al comando del pedale su guide e cave

ricavate sull'albero e sull'ingranaggio.

Gli ingranaggi sono sempre in presa, cioè anche quando siamo in
folle gli
ingranaggi dell'albero primario e secondario sono accoppiati fra loro ma
girano
a vuoto sui rispettivi alberi perché non sono innestati.

Quando cambiamo marcia, il pedale del cambio comanda un selettore
che
ruota di un certo numero di gradi in senso orario o antiorario a seconda
(ci
sono delle posizioni di stop fisse ottenute attraverso sferette e
molle). Il
selettore presenta delle scanalature opportunamente sagomate all'interno
delle
quali scorrono le forcelle (particolare D in figura). Una
forcella
abbraccia un ingranaggio del cambio e permette quindi di spostarlo
lateralmente
rispetto all'albero di un valore predeterminato. Questo spostamento
laterale
dell'ingranaggio sul proprio albero innesta l'una o l'altra marcia
innestando
l'uno o l'altro ingranaggio.

Quando tiriamo la leva (cioè stacchiamo) la frizione, succede che

separiamo il cambio dal motore, quindi sull'albero primario del cambio
non
agisce più la coppia del motore (che può essere in entrambi i sensi a
seconda se
stiamo accelerando o decelerando per mezzo del freno motore); in questo
istante
quindi gli ingranaggi possono scorrere sulle guide senza fatica e
soprattutto
durante l'innesto si evita un'usura anomala.

Una nota: fra una marcia e l'altra esiste sempre una posizione che
possiamo
definire una specie di folle, anche se non riusciamo a trovarla perché
il
selettore è stato appositamente realizzato per non darci la possibilità
di
fermarlo nella posizione di folle che non sia quella fra la prima e la
seconda
marcia, questo perché se così non fosse ci capiterebbe spesso di
"sfollare" fra
una marcia e l'altra con notevoli rischi per la sicurezza (si pensi ad
esempio
ad una sfollata in scalata all'entrata in curva guidando un po'
sportivamente...).


Cambiare senza frizione

Questo tipo di cambiata interviene soprattutto nelle competizioni, per
risparmiare tempo, ma c'è anche chi lo fa abitualmente ad esempio quando
"tira"
oppure con la moto da cross: nel cross interviene anche il fattore
stanchezza,
cioè a fine manche gli avambracci del pilota potrebbero non avere
abbastanza
forza per tirare
ancora la leva della frizione. La cambiata senza frizione si effettua
mollando
un po' l'acceleratore e spingendo la leva del cambio nel verso
desiderato.

Vediamo però cosa succede: se ad esempio stiamo accelerando e inseriamo
la
marcia successiva senza usare la frizione, nel momento (anche se breve)
durante
il quale il cambio si trova in folle il motore potrebbe:

  1. aumentare un poco di giri e fare prendere un colpo all'ingranaggio
    quando
    innesta;
  2. rimanere allo stesso numero di giri e anche in questo caso farebbe

    prendere un colpo all'ingranaggio durante l'innesto in quanto come
    sappiamo
    con una marcia più lunga il motore, quindi anche l'albero primario,
    deve
    calare un po' di giri;
  3. calare di giri (se rilasciamo l'acceleratore), scendendo al di
    sotto dei
    giri dell'albero secondario, provocando sempre un colpo all'innesto;

discorso opposto in caso di scalata. Se invece usiamo la frizione,
ovviamente
non facciamo prendere colpi agli ingranaggi che innestano perché al
momento
dell'innesto l'albero primario si adegua al regime di rotazione imposto.


I dispositivi elettronici usati nelle competizioni

Nelle competizioni, dove è importante risparmiare il centesimo di
secondo e non
interessa l'affidabilità se non per il tempo di durata della gara, (cioè
al
massimo qualche ora), si usa cambiare senza frizione e senza togliere
gas.

Allo scopo, esistono appositi dispositivi elettronici che vengono
montati sulla
leva del cambio che tolgono corrente all'accensione per circa 3
centesimi di
secondo quando il pilota sposta la leva, in questo modo si evita
l'inconveniente
di cui al punto 1 anche se l'usura del cambio ne risentirà ugualmente.


Le conseguenze del NON usare la frizione

Abbiamo detto che cambiare senza frizione, nel lungo periodo comporta
l'usura
degli innesti degli ingranaggi e potrebbe quindi capitare di sfollare
spesso,
oppure il "rimbalzo" dell'ingranaggio che farà appunto rimbalzare da una
marcia
all'altra e l'effetto durante la marcia sarebbe lo stesso di avere un
cerchio quadrato.


Conclusioni

Abituiamoci ad usare sempre la frizione perché anche se ci potrebbe
sembrare che
il cambio non ne risenta, alla lunga i nodi verranno al pettine,
pregiudicando
il portafoglio ma soprattutto la sicurezza dato che i malfunzionamenti
del
cambio si evidenziano maggiormente nel caso di guida sportiva, cioè
proprio
quando siamo al limite.

dal sito:motoclub-tingavert


Ultima modifica di Capitan Kurzillo il Lun 22 Mar - 10:43:17, modificato 4 volte

Capitan Kurzillo
ASSISTENTE AMMINISTRATORE
ASSISTENTE AMMINISTRATORE

Messaggi : 2843
Data d'iscrizione : 18.10.09
Età : 60
Località : casale monferrato

Caratteristiche delle moto dei Membri
Moto:

Tornare in alto Andare in basso

Re: il cambio di una moto

Messaggio Da apara il Lun 22 Mar - 10:28:48

approvo

apara
MOTOTURISTA ESPERTO
MOTOTURISTA ESPERTO

Messaggi : 1636
Data d'iscrizione : 27.10.09
Età : 49
Località : laghi bergamaschi

Caratteristiche delle moto dei Membri
Moto: Honda Goldwind 1800 SBAVANTE

Tornare in alto Andare in basso

Re: il cambio di una moto

Messaggio Da Enzino il Lun 22 Mar - 13:11:35

Io mi ricordo che un certo personaggio scrisse in passato della cambiata senza frizione con tanto di sorriso ed entusiasmo alla merce'di tutti e lo smentii dicendoli proprio quello scritto su'.
Con le moto sportive l'ho fatto qualche volta ma sulle riduzioni,lo puoi fare anche nell'innesto ma se non senti i giri del motore e sai quando farlo spacchi tutto e comunque le conseguenze sono che mentre cammini e prendi una buca ti ritrovi in folle senz aver fatto niente.
Bravo il capitano del"COPIA E INCOLLA"

Enzo

_________________
I compagni di viaggio restano sempre nei nostri ricordi e sono sempre lì, nello specchietto retrovisore della vita....

















Enzino
AMMINISTRATORE DEL FORUM
AMMINISTRATORE DEL FORUM

Messaggi : 6663
Data d'iscrizione : 18.10.09
Età : 54
Località : prov.Padova

Caratteristiche delle moto dei Membri
Moto: BMW R 1200 RT My 09...La Nerina

http://www.mototuristipercaso.com

Tornare in alto Andare in basso

Re: il cambio di una moto

Messaggio Da Capitan Kurzillo il Lun 22 Mar - 18:14:25

Enzino ha scritto:Io mi ricordo che un certo personaggio scrisse in passato della cambiata senza frizione con tanto di sorriso ed entusiasmo alla merce'di tutti e lo smentii dicendoli proprio quello scritto su'.
Con le moto sportive l'ho fatto qualche volta ma sulle riduzioni,lo puoi fare anche nell'innesto ma se non senti i giri del motore e sai quando farlo spacchi tutto e comunque le conseguenze sono che mentre cammini e prendi una buca ti ritrovi in folle senz aver fatto niente.
Bravo il capitano del"COPIA E INCOLLA"

Enzo

non c'è provà

Capitan Kurzillo
ASSISTENTE AMMINISTRATORE
ASSISTENTE AMMINISTRATORE

Messaggi : 2843
Data d'iscrizione : 18.10.09
Età : 60
Località : casale monferrato

Caratteristiche delle moto dei Membri
Moto:

Tornare in alto Andare in basso

Re: il cambio di una moto

Messaggio Da guidopiano il Lun 22 Mar - 19:51:43

Enzino ha scritto:
Bravo il capitano del"COPIA E INCOLLA"
Enzo

ahahahahahahahah

domanda al Capitano : ma quel cambio dell'immagine ha o non ha i sincronizzatori ??
non li ha bisogno ??

guidopiano
MOTOTURISTA NOVELLO
MOTOTURISTA NOVELLO

Messaggi : 126
Data d'iscrizione : 06.12.09
Età : 53
Località : Alessandria

Tornare in alto Andare in basso

Re: il cambio di una moto

Messaggio Da Enzino il Lun 22 Mar - 21:54:13

Ok,il capitano fa'copia e incolla,è questo lo sappiamo tutti compreso lui che lo scrive sempre,eppure noi lo ammiriamo perche'ci arricchisce ogni giorno con i suoi postati,e per uno che è seduto tutto il giorno a guidare un pulman credo che ci sia da togliere tanto di cappello!!!!
Ma tu'che fai il MECCANICO come lavoro, e parlare di pistoni e bielle e il tuo pane,QUANDO scriverai qualche cosa di importante per portare cultura motoristica su questo forum???
Te la sei proprio cercata

Enzo

_________________
I compagni di viaggio restano sempre nei nostri ricordi e sono sempre lì, nello specchietto retrovisore della vita....

















Enzino
AMMINISTRATORE DEL FORUM
AMMINISTRATORE DEL FORUM

Messaggi : 6663
Data d'iscrizione : 18.10.09
Età : 54
Località : prov.Padova

Caratteristiche delle moto dei Membri
Moto: BMW R 1200 RT My 09...La Nerina

http://www.mototuristipercaso.com

Tornare in alto Andare in basso

Re: il cambio di una moto

Messaggio Da guidopiano il Lun 22 Mar - 22:02:00

ti stupirò e forse ti deluderò ...........io ragiono così ...sta attento Shocked

la moto quando va bene , meno la tocchi e meno smetterà di andare bene !!

e ho detto tutto lol!

e poi potrei rispondere ad argomenti precisi , a domanda = probabile risposta

ahahahahaha logicamente con compenso drunken

guidopiano
MOTOTURISTA NOVELLO
MOTOTURISTA NOVELLO

Messaggi : 126
Data d'iscrizione : 06.12.09
Età : 53
Località : Alessandria

Tornare in alto Andare in basso

Re: il cambio di una moto

Messaggio Da Contenuto sponsorizzato Oggi a 22:10:30


Contenuto sponsorizzato


Tornare in alto Andare in basso

Vedere l'argomento precedente Vedere l'argomento seguente Tornare in alto

- Argomenti simili

 
Permesso di questo forum:
Non puoi rispondere agli argomenti in questo forum